Carrello
Wishlist
Account
INDIETRO
LA NOSTRA STORIA
I VALORI, LA PASSIONE E I BAMBINI, PRIMA DI TUTTO
Nato nel 1980 da una piccola realtà artigianale, oggi Il Gufo è un marchio internazionale di abbigliamento bambino, con sede ad Asolo e con una distribuzione globale, attraverso negozi monomarca e multibrand. Le collezioni sono presenti nei migliori Department Store, in Europa, Russia, Stati Uniti e in oriente, tanto che oggi la quota di fatturato estero è pari a circa il 50% del volume d’affari totale.
Nonostante la crescita continua, soprattutto all'estero, l’obiettivo rimane l’italianità dello stile, la qualità di ogni capo e la cura artigianale in tutte le fasi di lavorazione. Risultati che si possono raggiungere solo attraverso l’amore per il proprio lavoro e il rispetto per quello degli altri, la selezione dei migliori fornitori e la continua ricerca di stile, tessuti e lavorazioni speciali.
Del resto i valori del marchio sono valori condivisi da chi il prodotto lo progetta, lo confeziona, lo vende, lo distribuisce, con un unico punto fermo, sempre: il rispetto per i bambini e il loro mondo.
X
Play button
BAMBINI VESTITI DA BAMBINI
LA FAMIGLIA
Quando si parla del Gufo, non si parla solo di un’azienda leader nel mondo per la produzione di abbigliamento haut de gamme per bambini da 0 a 14 anni, ma di persone.

Giovanna Miletti che l’ha fondata e i suoi figli Alessandra e Guido Chiavelli che ne stanno portando avanti i progetti e i principi con spirito innovativo, ma soprattutto di tutti i dipendenti e i collaboratori che la animano e che ne sono il valore aggiunto. Alcuni di loro sono in azienda da sempre e l’hanno vista crescere accanto a Giovanna e alla sua famiglia.

È così che i valori di una famiglia si sono trasformati nei valori di un’azienda, per diventare i valori di un prodotto. Ed è così che da madre in figlia continueranno ad evolvere.
X
Play button
LA NOSTRA STORIA
LA MAMMA DEL GUFO
Giovanna è mamma di tre figli, del Gufo e un po’ di tutti i bambini che ha vestito nel corso degli anni.
Sul finire degli anni ‘70, mette da parte il suo lavoro per prendersi cura dei suoi bambini e segue il marito ad Asolo, provincia di Treviso. Ed è qui che un po’ per caso la sua vita prende una svolta decisiva.
Ci sono una grande casa, un bellissimo giardino e tre meravigliosi bambini di cui prendersi cura,
ma questo non basta ad esaurire l’energia di Giovanna che comincia ad occupare il tempo libero inventando piccole cose da fare: bavaglini, lenzuolini e qualche pettorina.
Prima per i suoi bambini, poi per quelli delle amiche, poi per quelli del paese fino a trasformare il suo passatempo in una vera e propria attività.
Taglia, cuce, disegna, ricama, trasforma la serra di casa nel suo laboratorio, utilizzando il ping-pong dei ragazzi come tavolo da lavoro.
Ma ci sono prima i pranzi e le cene da mettere in tavola, i compiti, i colloqui con gli insegnanti, la spesa da fare, così solo a giornata finita quando i bambini sono a letto nella casa silenziosa si sente risuonare incessante la macchina da cucire.
Perché Giovanna e le sue prime collaboratrici lavorano di giorno, ma soprattutto di notte, tanto che a casa tutti hanno incominciato a chiamarla II Gufo.
Alla fine degli anni ‘80 In Italia Il Gufo è già diventato un marchio conosciuto e apprezzato per l’indiscussa qualità e per lo stile semplice e sofisticato.
Poi arriva il primo Pitti nel 1994 e l’apertura al mercato internazionale, e forse è qui che Giovanna Miletti realizza per la prima volta la portata della sua impresa.
La serra ritorna ad essere occupata da piante e fiori e le donne del Gufo si trasferiscono prima in un grande laboratorio progettato da Marc Sadler e poi, nel 2000, nell’edificio che ancora oggi – con ampliamenti vari – è la sede dell’azienda.
Il brand è ormai affermato in tutto il mondo, ma Giovanna continua a progettare e produrre abiti come se li dovesse fare per i suoi figli. Che nel frattempo sono entrati in azienda.

Log in with your credentials

Forgot your details?