Carrello
Wishlist
Account
INDIETRO
Lezione di yoga per bambini e genitori
È arrivato il momento tanto atteso, una lezione di yoga per genitori e bambini…una lezione magica!
A condurvi nella pratica sono Anna Kostina, madre e insegnante di yoga per bambini e di yoga face e sua figlia Vera. La lezione è magica e speciale perché ci porta in viaggio verso l’Australia.
Per iniziare, sentite le vibrazioni magiche. Il corpo è fatto quasi all'80% di acqua e reagisce al suono, così come l’acqua. Provate a sentirlo vibrare.
Sedete schiena contro schiena con il vostro bambino, le gambe incrociate e le mani giunte.
Inspirate e ad ogni profondo espiro pronunciate una parola magica diversa: prima LAM, poi VAM, poi RAM, poi YAM, poi HAM e infine OM.
Prima di intraprendere il viaggio, dovete rendere magico tutto il corpo e il tappetino.
Da seduti, scaldate i piedi e le gambe con le mani. Fate poi dei cerchi magici in entrambi i sensi con i piedi, con le ginocchia, con le mani, con i gomiti e con il collo.
Testate il volo nella posizione della farfalla. Seduti a terra, piede contro piede muovete lasciate cadere le ginocchia verso l’esterno e muovetele verso l’alto e verso il basso come se foste in volo.
Telefonate per avvisare che state partendo! Da seduti afferrate un piede e cominciate a premere i tasti immaginari del telefono, poi avvicinate il piede all'orecchio per parlare, e infine ripetete la chiamata con l’altro piede.
Salutate il sole nel cielo con l’aiuto di una storia fraterna. Siete in piedi sul bordo del tappetino, i piedi uniti e le mani in posizione di preghiera. “C’erano un fratello e una sorella: il mattino il fratello portava la sorella sulla montagna, il pomeriggio scendeva giù, attraversando la montagna e poi si rinfrescava nel ruscello. Risaliva poi la montagna dove incontrava la sorellina e la abbracciava forte. Poi arrivava il turno della sorella di scendere al ruscello e infine ancora il turno del fratello”. (il saluto al sole si ripete 4 volte alternando la gamba che va all'indietro)
Pronti per il viaggio, sedetevi sulle ginocchia. I tappeti volano e iniziate a muovervi portando il peso del bacino a destra e a sinistra, con le braccia che vanno nella direzione opposta.
Arrivate finalmente al mare. Intorno a voi ci sono dei delfini che vi salutano e voi volete fare altrettanto. Sdraiatevi a pancia in giù, con le braccia distese e le mani giunte davanti alla testa. Sollevate e riportate a terra mani e braccia al contempo.
Ecco spuntare i pigri coccodrilli. Sdraiatevi a pancia in giù, mettete un palmo sopra l’alto all'altezza del volto e appoggiate la testa sulle mani.
Dopo tante avventure siete finalmente arrivati sull’isola di Mellville e da lì dovete prendere una barchetta per raggiungere l’altra sponda. Salite sulla barchetta oscillando su e giù. Da seduti, sollevate gambe e braccia mantenendole tese. Ora avvicinate e allontanate le gambe, mantenendo tesa la colonna.
Riposatevi un attimo. Da seduti, con le gambe distese, sollevate busto e braccia in alto e poi distendetevi completamente sopra le gambe, se riuscite afferrando i piedi con le mani.
La vostra destinazione è Perth: per raggiungerla prendete il pedalò. Seduti uno di fronte all'altro sollevate le ginocchia, unite i piedi e iniziate a pedalare.
Prendete poi una barchetta a remi. Seduti a terra, uno di fronte all'altro, con le gambe divaricate, afferrate le mani del vostro bambino e tiratevi alternativamente, in modo che la schiena si pieghi in avanti e indietro.
Incontrate poi una tartaruga che nuota e provate ad imitarla: seduti con gambe divaricate e ginocchia piegate, infilate le braccia sotto le gambe. Se riuscite, portiamo le mani unite dietro la schiena.
All'orizzonte ecco apparire un ponte, dovete passarci sotto con la vostra barchetta. Da seduti i piedi del vostro bambino saranno sopra ai vostri. Sollevatevi in un ponte, fino a che le vostre ginocchia si toccheranno.
Siete finalmente arrivati a Perth.
Incontrate dei cagnolini e fate loro compagnia! Mettetevi della posizione del cane a testa in giù e camminate avanti e indietro. Mantenete poi la posizione e il vostro bambino passerà sotto di voi, almeno per 3 giri. Poi voi farete lo stesso.
Riposate un po’: seduti sui talloni allungatevi a terra stendendo la colonna.
Per segnalare il vostro arrivo, sventolate una bandiera! Da in piedi, con le gambe divaricate all’altezza delle spalle, ruotate il piede destro, alzate le braccia all’altezza delle spalle e scendete lateralmente con il busto verso il piede destro con la mano destra mentre con la sinistra disegnate dei cerchi. Ripetete dal lato opposto.
Finalmente incontrate l’animale simbolo dell’Australia, il canguro! Come si muove il canguro? Mettetevi nella posizione della sedia con le braccia stese in alto e fate dei piccoli salti. Per sciogliervi fate una piccola corsetta.
Cominciate a vedere molti alberi: unite i piedi, sollevate le braccia sopra la testa con i palmi che si toccano e oscillate a destra e a sinistra con la parte superiore del busto, come i rami con il vento.
È arrivata la sera e dovete accendere le candele. Sdraiati a terra, datevi una spinta per sollevare gambe e busto verso l’alto. Potete sorreggere la colonna con le mani.
Poi srotolate la colonna e rilassatevi con le gambe a farfalla e i piedi uniti, i gomiti sul tappetino e la testa all'indietro.
Siete ora pronti per tornare a casa. Sdraiatevi, dite si e no con la testa, rilassate il collo, tutto il corpo, chiudete gli occhi, fate un profondo inspiro ed espirando sentite che tutto il nostro corpo si lascia andare. Attraversando le nuvole, osservate la nostra casa, la finestra, entrate.
È di nuovo mattina, potete risvegliarvi: muovete mani, polsi, piedi, tutto il corpo e poi tornate seduti con le gambe incrociate e le schiene a contatto. Ri-pronunciate le nostre parole magiche e percepite quanta più energia è in noi!
Grazie per la vostra partecipazione, Namastè!

Log in with your credentials

Forgot your details?